Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Subbito c’un zovrano de la terra
Crede c’un antro j’abbi tocco un fico
Disce ar popolo suo: «Tu sei nimmico
Der tale o dder tar re; ffàjje la guerra».

E er popolo, pe sfugge la galerra
O cquarc’antra grazzietta che nnun dico,
Pijja lo schioppo, e vviaggia com’ un prico
Che spedischino in Francia o in Inghirterra.

Ccusí, pe li crapicci d’una corte
Ste pecore aritorneno a la stalla
Co mmezza testa e cco le gamme storte.

E cco le vite sce se ggiuca a ppalla,
Come quela puttana de la morte
Nun vienissi da lei senza scercalla.

23 maggio 1834

Questa poesia è stata letta 333 volte