Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI PRELATI E LI CARDINALI

Giuseppe Gioacchino Belli

Pìjjete gusto: guarda a uno a uno
Tutti li Cardinali e li Prelati;
E vvederai che de romani nati
Sce ne sò ppochi, o nnun ce n’è ggnisuno.

Nun ze sente che Nnapoli, Bbelluno,
Fermo, Fiorenza, Ggenova, Frascati...
E cqualunque scittà lli ppiú affamati
Li manna a Rroma a ccojjonà er diggiuno.

Ma ssaría poco male lo sfamalli:
Er pegg’è cche de tanti che cce trotteno
Li somari sò ppiú de li cavalli.

E Rroma, indove viengheno a ddà ffonno,
E rrinnegheno Iddio, rubben’ e ffotteno,
È la stalla e la chiavica der monno.

27 maggio 1834

Questa poesia è stata letta 704 volte