Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Le lettere ch'ha scritto Rosa mia
l'avrebbe d'abbrucia, ma nun ciò core:
le tengo chiuse drento a un tiratore
framezzo a li mazzetti de gaggia.

Fa tanto bene a ripensà a l'amore
ne li momenti de malinconia:
provi una spece de nun so che sia,
come un piacere de sentì dolore.

Ched'è? da che dipenne? Nun saprei:
ma so che 'st'impressione io me la sento
se rileggo le lettere de lei.

Se tu vedessi quante ce ne stanno!
Me n'avrà scritte armeno un quattrocento...
perché m'ha cojonato più d'un anno!



Questa poesia è stata letta 1263 volte