Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI DILITTI D’OGGIGGIORNO

Giuseppe Gioacchino Belli

Don Marco fu cconvinto d’adurterio,
E er Papa l’assorvé ccome innoscente.
Diede in culo a li fijji de Saverio,
E er Papa disse: «Nun è vvero ggnente».

Ha ffatto stocchi, furti, e un diavolèrio
De fede farze contro tante ggente,
E er Papa se n’è usscito serio serio:
«Nun ci vojjamo crede un accidente».

Arfine jjeri pe vvoler divino
Una spia je soffiò ste du’ parole:
«Santo Padre, don Marco è ggiacubbino».

E er Zanto padre, in ner momento istesso,
Sentennose toccà ddove je dole,
Lo condannò da lui senza proscesso.

4 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 996 volte