Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Mi’ fijjo, sí, cquel’animaccia fessa
Che ffu pposcritto e annò a la grann’armata,
È ttornato uffizziale e ha rriportata,
Azzecca un po’! una mojje dottoressa.

Si ttu la senti! «È un libbro ch’interressa...
Ggira la terra... La luna è abbitata...
Ir tale ha scritto un’opera stampata...
La tal antra è una bbrava povetessa...»

Fuss’omo, bbuggiarà! mma una ssciacquetta
Ha da vienicce a smove li sbavijji
A ffuria de libbracci e pparoloni!

Fili, fili: lavori la carzetta:
Abbadi a ccasa sua: facci li fijji,
L’allatti, e nun ce scocci li cojjoni.

12 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 1447 volte