Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nun è cche nnun ce ssiino Bbeati
Deggni e stradeggni de fa un passo avanti:
Er paradiso sbrullica de frati
Che mmoreno de vojja d’èsse Santi.

Nun è cch’er Papa se li sia scordati,
Come se scorda de li nostri pianti:
Ché anzi, doppo avelli proscessati,
Voría cannonizzalli tutti quanti.

La raggione che ancora li tiè addietro
Ne la grolia sceleste, è la gran spesa
De la funzione che cce vò a Ssan Pietro.

Eccolo er gran motivo, poverini:
La miseria. E li Santi de la Cchiesa
Nun ze ponno creà ssenza quadrini.

12 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 279 volte