Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA LOTTARÍA NOVA I

Giuseppe Gioacchino Belli

’Ggni ggiorno, accetto er venardí, ar palazzo
De la casa Teodoli, un’arpia
De chincajjere fa una lottaria
Co una ròta che svòrtica un regazzo.

Li bijjetti appremiati hanno un spegazzo
Cor nummero der premio che sse pía.
L’antri sc’è scritto Alegri. Alegri un cazzo!
Sce ne fregamo assai de st’alegria.

Bell’alegria d’entrà cco ddu’ lustrini,
Tirà ddu’ bbijjettacci, e ttornà ffòra
Co le fischiate in cammio de quadrini.

Eppoi che ppremi sò cquanno c’hai vinto?
Figurete c’un prete tirò un’ora,
E abbuscò ddu’ speroni e un culo finto.

15 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 768 volte