Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA LOTTARÍA NOVA II

Giuseppe Gioacchino Belli

Ma ccazzo! a un prete che nnun va a ccavallo
Dàjje pe ppremio un paro de speroni
È ccome a un maressciallo de dragoni
Schiaffajje addosso un pivialone ggiallo.

Fussino state fibbie da carzoni,
Un braghiere, un messale, bbuggiarallo!
Ma dd’un par de speron da maressciallo
Che sse ne fa? un impiastro a li cojjoni?

Passanno adesso a un zimile scannajjo
Tra er zascerdote e cquer ziconno premio,
Trovo ch’er culo-finto è un antro sbajjo.

Perché un prete che vvojji èsse sincero,
Ve dirà: «Dda ste cose io nun zò stemio;
Ma mmetteteme avanti un culo vero».

16 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 671 volte