Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nun zò mmorto: sò stato un anno e mmezzo
Carcerato pe vvia d’un creditore
Che ddoppo avemme limentato un pezzo
M’ha abbandonato con mi gran dolore.

Io a sta vita sce sò ttanto avvezzo,
C’oggni vorta che in grazzia der Ziggnore
Faccio un debbito novo e ariccapezzo
De tornà ddrento, me s’allarga er core.

Che vviggna! maggnà e bbeve alegramente
A ttutta cortesia de chi tt’avanza:
Dormí la notte, e ’r giorno nun fà ggnente:

Stà in tanti amichi a rride in d’una stanza,
O a la ferrata a cojjonà la ggente...
Ah! er debbituccio è una gran bella uzanza!

17 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 369 volte