Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA PPIÚ MMEJJ’ ARTE

Giuseppe Gioacchino Belli

Da principio fascevo l’ortolano: Male.
Me messe a ffà er libbraro: peggio.
Risòrze allora de mutà mmaneggio,
E mme diede ar mestiere der ruffiano.

In questo, te confesso da cristiano,
Nun zolo sce guadaggno, ma ssaccheggio:
E un terzo ar meno der Zagro-Colleggio
Vonno la marcanzía da le mi’ mano.

Io sservo Monziggnori, io Padr’Abbati,
Io maritate, io vedove, io zitelle...
E ll’ho ttutti oggnisempre contentati.

Perch’io sò onesto e nun tiro a la pelle,
L’ommini mii sò rricchi e intitolati,
E le mi’ donne pulitucce e bbelle.

17 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 1243 volte