Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che sse vojjino bbene, che da un mese
Lui se la porti a spasso oggni matina,
Che vvadino a ffà cquarche scappatina
Pe li macchiozzi de Villa-Bborghese,

Sin qui cce sto: mma cche sse siino prese
Scert’antre libbertà, nnun me cammina.
Questo, credete scerto, sora Nina,
Sò ttutte sciarle e invidie der paese.

Pe llui, ppò ddarzi che jje l’abbi chiesta:
Ciaverà fforze provo: nun zaprei:
Ma in quant’a mmi’ nipote, è ttroppa onesta.

E cche llui né ttant’antri sciscisbei
J’abbino mai potuto arzà la vesta,
Questo è ssicuro, e mme l’ha ddetto lei.

18 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 612 volte