Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Io, prima, je lo dissi co' le bone:
— Me compatisca, signorina mia,
ho scivolato: è stata una pazzia
ch'ho fatto in d'un momento de passione. —

Dice: — Nun vojo tante spiegazzione:
fate er vostro bavulle e annate via.
Questa nun è passione: è porcheria
dove nun c'entra gnente l'affezzione. —

Allora m'inquietai. Dico: — Ma lei
come le chiama... quelle... pe' capisse...
che fa ar Corso Vittorio, centosei? —

A 'ste parole mie fu un incantesimo;
me perdonò, nun solo, ma me disse:
— S'è femminuccia la terrò a battesimo.



Questa poesia è stata letta 1416 volte