Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

’Na regazza arrivata a ssediscianni
Senza conossce er perno de l’amore
Fra ttutti li miracoli ppiú ggranni
Díllo er miracolone er piú mmaggiore.

Ebbè, sta rarità, mmastro Ggiuvanni,
Sto mmostro de natura, sto stupore,
È (ssarvo er caso che nnun ziino inganni)
La fijja de Bbaggeo l’accimatore.

Si cc’inganna, è una lappa da punilla
Cor méttejelo in corpo; e ss’è ssincera
Bbisoggna fà de tutto pe istruilla.

Io le so certe cose; io sò rromano.
L’inzeggnà a l’iggnoranti è la maggnera
De fasse aggiudicà vvero cristiano.

28 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 482 volte