Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

PRIMO, CONZIJJÀ LI DUBBIOSI

Giuseppe Gioacchino Belli

Viè Nninetta e mme disce: «È cquarche ggiorno
Ch’er fijjo de la sora Nastasía
Me fa rrigali, e cquanno Meo sta ar forno
M’entra in casa a ppregà cche jje la dia.

Da una parte, commare, io nun vorría
Díjje de sí, pe nnun fa a Mmeo sto corno.
Da un’antra parte poi, commare mia,
Come díjje de nò ssi mme viè intorno?

Di’, cche faressi tu ne li mi’ panni?»
«Pe mmé, jje la darebbe,» io j’arispose,
«Senza lassamme tormentà mmill’anni.»

Lei allora annò a ccasa, e jje la diede:
E dda quer giorn’ impoi, vanno le cose
Che l’assaggia chiunque je la chiede.

28 giugno 1834

Questa poesia è stata letta 1085 volte