Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CARDINAL CAMANNOLESE I

Giuseppe Gioacchino Belli

Quer bon zervo de Ddio c’ha la figura
D’un vesscigon de strutto inzanguinato
O un zacco de farina siggillato
Co la scera de Spaggna all’upertura;

Inzomma quer zor Prascido garbato,
Che ssenza avé ddormito in prelatura
Sartò er convento e sse trovò addrittura
Ar penurtimo zompo der Papato,

Vonno che in grazzia de li sei fiaschetti
Che sse succhia oggni ggiorno da uniscianni
Come bbeveratori d’uscelletti,
Sii morto d’accidente a l’improviso.

E ssi ffussi bbuscía? Dio jje ne manni
Pe ccressce un antro in santo paradiso.

17 ottobre 1834

Questa poesia è stata letta 405 volte