Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CARDINAL CAMANNOLESE II

Giuseppe Gioacchino Belli

Sí, amichi, finarmente stammatina
S’è sparza la staffetta da per tutto
Che ss’è vvotato er zacco de farina,
Che ss’è squajjato er vesscigon de strutto.

Grigorio piaggne, e vvò apparasse a llutto
Pe ffàjje un funerale a la Sistina;
Bbe’ cche la morte pe sto caso bbrutto
S’avería da bbascià ddove cammina.

Un po’ ppiú cche ccampava er Cardinale,
Er vino che sse trova a sto paese
Nun arrivava manco a ccarnovale.

Io Papa ordinería che ttutt’un mese
Se cantassi er Tedèo pe ffunerale
Der quonnam Cardinal Camannolese.

3 novembre 1834

Questa poesia è stata letta 388 volte