Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CARDINAL CAMANNOLESE III

Giuseppe Gioacchino Belli

Che mmorte arruvinosa! che ggran danno!
Er Zanto Padre ha bben raggione s’urla,
E ssi in ner caso suo bbeve e ss’inciurla
Pe ssoffogà le fotte che jje fanno.

Cardinali, capisco sce ne stanno,
Ma a rrimpiazzà un Vicario nun ze bburla;
E pprima che sse peschi un antro Zzurla
Sc’è da bbuttà le rete pe cquarc’anno.

Dove se trova un antro soggettone
De novanta descine com’e llui
Che a vvedello v’incuti suggizzione?

Dove, cristo, se mettono le mane
Pe rrïuní li riquisiti sui
Ne l’arivede er pelo a le puttane?

19 novembre 1834

Questa poesia è stata letta 325 volte