Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CARDINAL CAMANNOLESE IV

Giuseppe Gioacchino Belli

Che ssii crepato Zzurla è nnaturale
C’ar Papa je dev’èsse arincressciuto,
E cciabbi provo er piú ddolore acuto
C’a la morte d’oggn’antro cardinale.

Sò ccressciuti compaggni: hanno bbevuto
A un bicchiere e ppissciato a un urinale:
Sò stati ssempre assieme ar bene e ar male,
Come in bocca la lingua co lo sputo:

Assieme a scola, assieme a lo spasseggio,
Assieme in rifettorio, assieme in coro,
Assieme a Rroma e in ner Zagro Colleggio:

Assieme in ner concrave e in concistoro...
Senza dí ggnente poi der privileggio
D’assorvese le zacchere tra llòro.

3 aprile 1835

Questa poesia è stata letta 312 volte