Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA BBESTEMMIA RETICÀLE

Giuseppe Gioacchino Belli

Purtroppo è vvero, Ciammarúco mio:
Tra li cristiani sc’è ttanta iggnoranza,
Che sse senteno in quarche ccircostanza
Preposizzione indeggne d’un giudio.

Nun piú ttardi de jjeri, cqui, in sta stanza,
Su sta ssedia, er padrone de mi’ zio,
Lui, co la bbocca sua, disse c’a Ddio
J’amancheno la fede e la speranza.

Dio senza du’ vertú! Ddio senza fede!
E vvò cche ll’omo credi in lui, penzanno
Che llui stesso p’ er primo nun ce crede?

Iddio senza speranza! E in che mmaggnèra
S’ha da sperà la vit’eterna, quanno
Lui che cce l’ ha ppromessa nu la spera?

20 ottobre 1834

Questa poesia è stata letta 1197 volte