Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che ggran dono de Ddio ch’è la bbellezza!
Sopra de li quadrini hai da tenella:
Pe vvia che la ricchezza nun dà cquella,
E cco cquella s’acquista la ricchezza.

Una cchiesa, una vacca, una zitella,
Si è bbrutta nun ze guarda e sse disprezza:
E Ddio stesso, ch’è un pozzo de saviezza,
La madre che pijjò la vorze bbella.

La bbellezza nun trova porte chiuse:
Tutti je fanno l’occhi dorci; e ttutti
Vedeno er torto in lei doppo le scuse.

Guardàmo li gattini, amico caro.
Li ppiú bbelli s’alleveno: e li bbrutti?
E li poveri bbrutti ar monnezzaro.

20 ottobre 1834

Questa poesia è stata letta 845 volte