Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Come, madama? Un puro quattrocento,
un ber cesello, un ermo d'un gueriero,
pe' trentacinque franchi? Ah, no davero!
Manco se fosse un cuccomo d' argento!

Se lei me se pijasse er paravento
potrebbe fa' lo scalo sur cimiero,
così quer che guadambio ne l'Impero
ce lo rimetto sul Rinascimento.

E 'sto sofà barocco je finisce?
Guardi che dorature! Che broccato!
C'è quarche macchia? Embè, s'aripulisce.

Eppoi so' macchie antiche: è più stimato!
So' patacche dell'epoca, capisce?
Puzzonate der secolo passato!



Questa poesia è stata letta 856 volte