Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZOR GIUVANNI DÀVIDE

Giuseppe Gioacchino Belli

Io sciò a la Valle du’ coristi amichi
Che vvonno c’anni fa er zor Dàvide era
Un tenorone da venne in galera
Tutti li galli e li capponi antichi.

Ma ppe cquanto ho ssentito jjer a ssera,
Me pare bben de ggiusto che sse dichi
Ch’è ddiventato un vennitor de fichi
O un chitarrinettaccio de la fiera.

Fa er nasino, ha un tantin de raganella,
Sfiata a ccommido suo, ggnavola, stona,
E sporcifica er mastro de cappella.

Quanno la vosce nun ze tiè ppiú bbona,
Invesce de cantà la tarantella
Se sta a ccasa e sse disce la corona.

29 ottobre 1834

Questa poesia è stata letta 1117 volte