Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Regazzi, io ggià da jjeri ve l’ho ddetto:
Ve l’ho avvisato puro stammatina:
Ve l’aripeto mó: zzitti, per dina:
Li sovrani portateje rispetto.

Fijji, abbadat’ a vvoi, c’ortre ar proscetto
De Santa Cchiesa e a la Lègge divina,
C’è er guajo de la santa quajjottina,
Si è ppoco la galerra e ’r cavalletto.

Je casca a un omo una corona in testa?
Ecchelo in faccia a li veri cristiani
Diventato er ziggnore de la festa.

Perché, ccome li soggni de la notte
Sò immaggine der giorno, li sovrani
Sò immaggine de Ddio guaste e ccorrotte.

31 ottobre 1834

Questa poesia è stata letta 280 volte