Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Confessamme! e de che? per che ppeccato?
Perché ho spidito all’infernaccio un Conte?
Perché ho vvorzuto scancellà l’impronte
De l’onor de mi’ ffijja svergoggnato?

Bbe’, una vorta che mm’hanno condannato
Nun je rest’antro che pportamme a Pponte.
È mmejjo de morí ddecapitato,
Che avé la testa co una macchia in fronte.

Ma ssi ddoppo er morí cc’è un antro monno,
Nò, sti ggiudisci infami e sto [sovrano]
Nun dormiranno ppiú ttranquillo un zonno;

Perché oggni notte che jje lassi Iddio
Je verrò avanti co la testa in mano
A cchiedeje raggion der zangue mio.

10 novembre 1834

Questa poesia è stata letta 1018 volte