Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER FRUTTO DE LA PREDICA

Giuseppe Gioacchino Belli

Letto ch’ebbe er Vangelo, in piede in piede
Quer bon padre Curato tanto dotto
Se piantò cco le chiape sul paliotto
A spiegà li misteri de la fede.

Ce li vortò de sopra e ppoi de sotto:
Ciariccontò la cosa come aggnede;
E de bbone raggione sce ne diede
Piú assai de sei via otto quarantotto

Riccontò ’na carretta de parabbole,
E cce ne fesce poi la spiegazzione,
Come fa er Casamia doppo le gabbole.

Inzomma, da la predica de jjeri,
Ggira che tt’ariggira, in concrusione
Venissimo a ccapí cche ssò mmisteri.

29 novembre 1834

Questa poesia è stata letta 473 volte