Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’anime cosa sò? ssò spesce d’arie.
Dunque, come a li piani e a le colline
Se danno l’arie grosse e ll’arie fine,
Sce sò ll’anime fine e ll’ordinarie.

Le prime sò ppe li Re, le Reggine,
Li Papi, e le perzone nescessarie:
Quell’antre poi de qualità contrarie
Sò ppe la ggente da contà a dduzzine.

Pe sto monno la cosa è accommidata;
Ma in quell’antro de llà cc’è gran pavura
Che sse svòrtichi tutta la frittata.

Perché Cristo, e ssan Pietro er zu’ guardiano,
S’hanno d’aricordà ffin ch’Iddio dura
Che cchi li messe in crosce era un zovrano.

9 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 1069 volte