Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI SCRUPOLI DE LA CAMMERIERA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

È carità pelosa e tant'abbasta: ma in quela festa de beneficenza ch'ha dato l'antra sera su' Eccellenza,

ner vede le signore, io so' rimasta! Faceveno pagà la confidenza: una, presempio, mozzicò una pasta e el rimanente lo vendette all'asta pe' quattordici lire. Eh? che schifenza?!

Madama Sambucè, che stava ar banco, se 'metteva li sigheri qua drento e doppo li vendeva per un franco!

La baronessa poi la fece grossa: annò cór duca dietro ar paravento... a beneficio de la Croce Rossa!



Questa poesia è stata letta 817 volte