Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che tt’impicci fra Elia?! Tutti li grobbi
Che stanno sparzi pe li sette sceli
Sce se troveno Ebbrei, Turchi e ffedeli
Come in ner nostro?... Miserere nobbi!

Tu mme dichi una cosa che mme ggeli.
Vedi quanti Abbacucchi, quanti Ggiobbi,
Quanti santi Re Ddàvidi e Ggiacobbi,
E quanti Merdocchei, Caini e Abbeli!

Vedi quant’antre vecchie co l’occhiali!
Quant’antri cappuccini co le sporte!
E cquant’antri peccati origginali!

Cristo! quant’antri re! quant’antre corte!
Freggna! quant’antri papi e ccardinali!
Cazzo! quant’antre incarnazzione e mmorte!

9 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 345 volte