Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER BORDELLO SCUPERTO

Giuseppe Gioacchino Belli

Entrato er brigattiere in ner bordello
Je se fa avanti serio serio un prete.
Disce: «Chi ssete voi? cosa volete?»
Disce: «La forza, e pportà llei ’n Castello?».

Disce: «Nun lo sapete, bberzitello,
Co cchi avete da fà? nnu lo sapete?
Aspettate un momento e vvederete,
E ttratanto cacciateve er cappello.

Appena poi che ll’averete visto,
Dite a quer zor Vicario der guazzetto
Ch’io nun conosco for ch’er Papa e Ccristo».

Detto ch’ebbe accusí, sse scercò addosso,
Arzò la su’ man dritta sur zucchetto,
Se levò er nero e cce se messe er rosso.

11 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 617 volte