Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA FILA DE LI CARDINALI

Giuseppe Gioacchino Belli

Va’ vva’ er Cardinalume come piove,
Si’ bbenedetta l’animaccia sua!
Viè cqua, Sghiggna, contamoli: Uno, dua,
Tre, cquattro, scinque, sei, sette, otto, nove,

Diesci, unnisci, dodisci... Eh la bbua!
Sò ttant’e ttante ste Minenze nòve,
Che, a vvolelli contà, nun te pòi move
Pe ttre o cquattr’ora de la vita tua.

Guarda che rriveree! Vedi che sfarzo!
Ecco poi si pperché ll’entrata pubbrica
Dar capo-d’anno nun arriva a mmarzo.

Te ggiuro ch’io me tajjerebbe un braccio
Che aritornassi er tempo de repubbrica
Pe dijje a ttutti: Cittadin Cazzaccio.

12 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 341 volte