Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’AFFARUCCI DE LA SERVA

Giuseppe Gioacchino Belli

Tiè, Ppippo, intanto maggnete sto petto
De bbeccaccia in zarmí cch’è ttanta bbona.
E ecco le sarcicce e la fettona
De pane casareccio che tt’ho ddetto.

A ssei ora viè ppoi p’er vicoletto,
E sta’ attent’a l’orloggio quanno sona;
Ch’io pe ssolito allora la padrona
L’ho ggià bbell’ e spojjata e mmess’ a lletto.

Un quarto doppo io te darò er zeggnale,
Tirerò er zalissceggne, e ttu vvia via
Sscivola in ner portone e ppe le scale.

Come sei ddrento ppoi, nun fà er balordo:
Va’ dritto dritto in ne la stanzia mia,
Perché la padroncina è ggià d’accordo.

12 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 1062 volte