Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’ELEZZIONE NOVA

Giuseppe Gioacchino Belli

Disce che un anno o ddua prima der Monno
Morze ne la scittà de Trappolajja
Pe un ciamorro pijjato a una bbattajja
Er Re de sorci Rosichèo Siconno.

Seppellito che ffu dda la sorcajja
Sott’a un zasso de cascio tonno tonno,
Settanta sorche vecchie se serronno
Pe ffanne un antro, in un casson de pajja.

Tre mmesi ereno ggià da tutto questo,
E li sorcetti attorno a cquer cassone
S’affollaveno a ddí: «Ffamo un po’ ppresto».

Quant’ ecchete da un búscio essce un zorcone
Che strilla: « Abbemus Divorino Sesto».
E li sorci deggiú: «Vviva er padrone!».

18 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 980 volte