Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE BBESTIE DER PARADISO TERRESTRE

Giuseppe Gioacchino Belli

Prima d’Adamo, senza dubbio arcuno
Er ceto de le bbestie de llà ffori
Fascéveno una vita da siggnori
Senza dipenne un cazzo da ggnisuno.

Ggnente cucchieri, ggnente cacciatori,
Nò mmascelli, nò bbòtte, nò ddiggiuno...
E rriguardo ar parlà, pparlava oggnuno
Come parleno adesso li dottori.

Venuto però Adamo a ffà er padrone,
Ecchete l’archibbusci e la mazzola,
Le carrozze e ’r zughillo der bastone.

E cquello è stato er primo tempo in cui
L’omo levò a le bbestie la parola
Pe pparlà ssolo e avé rraggione lui.

19 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 275 volte