Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Fuss’io, me saperebbe tanto duro
De fà li comprimenti che ssentissimo
Tra er Maggiordomo e ll’Uditor Zantissimo
Che gguasi sce daría la testa ar muro.

«Entri, se servi, favorischi puro,
Come sta?... ggrazzie: e llei? obbrigatissimo
A li commanni sui, serv’umilissimo,
Nun z’incommodi, ggià, ccerto, sicuro...»

Ciarle de moda: pulizzie de Corte:
Smorfie de furbi: sscene de Palazzo:
Carezze e amore de chi ss’odia a mmorte.

Perché cco Ddio, che, o nnero, o ppavonazzo,
O rrosso, o bbianco, j’è ttutt’una sorte,
Sti comprimenti nun ze fanno un cazzo?

19 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 318 volte