Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SSCERTA DER PAPA

Giuseppe Gioacchino Belli

Sò ffornasciaro, sí, ssò ffornasciaro,
Sò un cazzaccio, sò un tufo, sò un cojjone:
Ma la raggione la capisco a pparo
De chiunque sa intenne la raggione.

Sscejjenno un Papa, sor dottor mio caro,
Drent’a ’na settantina de perzone,
E mmanco sempre tante, è ccaso raro
Che ss’azzecchino in lui qualità bbone.

Perché ss’ha da creà ssempre un de loro?
Perché oggni tanto nun ze fa ffilisce
Un brav’omo che attenne ar zu’ lavoro?

Mettémo caso: io sto abbottanno er vetro?
Entra un Eminentissimo e mme disce:
Sor Titta, è Ppapa lei: vienghi a Ssan Pietro.

22 dicembre 1834

Questa poesia è stata letta 277 volte