Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'AMOR PROPIO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Quanno er Bagarozzetto de la rogna
guardò un compagno drento ar microscopio,
invece de morì da la vergogna,
s'intese stuzzicà ne l'amor propio;
tanto che disse: — In fonno in fonno, poi,
vedo che semo granni puro noi!



Questa poesia è stata letta 5570 volte





Privacy Policy - Personalizza tracciamento pubblicitario